mercoledì 10 giugno 2009

ANALISI A FREDDO .... ma non troppo !!

In punta di piedi – per non infastidire l’eletto – provo a fare una analisi del VOTO consegnato nell’urna elettorale alla Lista Civica “Pesaro a Cinque Stelle”, premetto - per i più suscettibili - che il presente non vuole essere una critica ai soggetti ma una semplice “valutazione a freddo” del risultato elettorale.

Come affermato dallo stesso Beppe Grillo (in Piazza del Popolo a Pesaro) bastava guardare in faccia i candidati della Lista Civica Pesaro a Cinque Stelle per evitarli e non votarli … in effetti non si è votato il “soggetto” e/o i "soggetti" presenti in lista ... ma bensì la Lista Civica collegata al progetto di Beppe Grillo che è la vera “alternativa” alla politica fatta da politicanti (camaleonti).
E' quindi il tentativo di conferire ai cittadini il ruolo di veri protagonisti ed attori della propria realtà cittadina e territoriale.

La differenza tra la Lista CivicaPesaro a Cinque Stelle” e tutti gli altri competitori era ed è tutta qui …

Per quanto riguarda i partiti politici presenti nella appena trascorsa “bagarre” elettorale sorvolo a piè pari … mi soffermo, velocemente, sulle Liste Civiche presenti, che per prerogativa dovevano essere l’espressione naturale di un movimento civile e democratico di cittadini che intendevano riappropriarsi – in prima persona - della “gestione” non solo amministrativa del proprio territorio.
La prima analisi è relativa alle Liste che si sono schierate (per motivi diversi … ma tutti ovvi) con il Partito Democratico e l’Italia dei Valori ; queste erano accomunate da un unico fine (ben calcolato e nemmeno tanto nascosto) sponsorizzavano il Sindaco uscente Ceriscioli e permettevano a quest’ultimo con semplici calcoli matematici (non dimentichiamo che la vera professione del Sindaco è "professore di matematica") di potersi, con una certa “facilità” ... diciamo con meno "rischi" e senza il temuto "ballottaggio" riconfermare alla guida del governo cittadino; naturalmente queste "Liste Civiche" non le identificherei come “pure(molti le chiamano "civetta"), in quanto hanno rinnegato e/o sono state usate - alcune - fin dall’inizio per uno solo scopo politico ben programmato e pianificato … evitare con tutti i mezzi ed in tutti i modi di cambiare la gestione amministrativa e politica della città.
Se ci pensiamo bene ci sono ancora molti "danni da fare" ... e molti "impegni presi con le Lobby locali" a cui bisogna assolutamente dar conto.
La Lista Civica del (ex) Senatore Mascioni “La Rosa di Pesaro ha giocato d’astuzia e d’esperienza – il Senatore ha vissuto per anni nel mondo della politica e quindi conosce i “lati oscuri” ed i “punti deboli” della politica. La sua campagna elettorale è partita molto prima degli altri competitori e si è basata sul fattore “incertezza” e “curiosità”; ...... “entra o non entra” nella “bagarre” elettorale e con chi si allea ?? … questo era il “life-motive” che la stampa (e non solo) con cadenza calcolata pubblicava sulle pagine locali … una campagna pubblicitaria che non è costata nulla a Mascioni ed ha ottenuto - in parte - il risultato voluto ed atteso.

Come sempre capita l’attesa, ben studiata a tavolino, ha "snervato" gli incerti, in questo caso ha polverizzato le aspettative di coloro che attendevano questa decisione, per tentare di creare una aggregazione alternativa al Sindaco Uscente e capeggiata dal PDL.

Sul risultato elettorale ottenuto – nulla da dire – da dove abbia ricevuto i voti è semplice da comprendere, in minima parte dai “vecchi amici” del PD ed in larga parte dal PDL (giusto per individuare le due più grandi aggregazioni politiche presenti).

La “Lega Nord è di fatto una realtà che si è insinuata da tempo nel tessuto sociale del NORD Marche, espressione degli scontenti ed arrabbiati (aggiungo … giustamente), ha deciso di correre da sola (non si è schierata con il PDL) ed ha ottenuto un discreto risultato elettorale sia come “Lista” che come “preferenze”; ha raggiunto e superato la quota di sbarramento (4.46%) e aperto le porte del Consiglio Comunale al Candidato Sindaco oggi “consigliere di opposizione” Dante Roscini.

=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=
La Lista CivicaPesaro a Cinque Stelle” è forse la vera novità di quest’esperienza elettorale, nasce dall’invito di Beppe Grillo di creare Liste Civiche da presentare alle Comunali (vedi sotto l’articoloIL VERO RUOLO DEL CITTADINOpubblicato il 9 marzo 2009), chi fa parte di questa lista è gente che proviene dalla società civile, gente normale che non ha mai avuto esperienze “politiche (in alcuni casi questa posizione è stata in parte disattesa) e senza precedenti penali.
In effetti il cosiddetto “Candidato Sindaco (Mirko Ballerini) non è stato indicato in modo ... diciamo .... “democratico e collegiale” - questa è la prima grande (giustificata) anomalia – è stato invero indicato da solo due partecipanti ed iscritti al Meetup ( http://beppegrillo.meetup.com/16/it/ per intenderci quello storico di Pesaro) che dopo la spaccatura interna (da impuatre: a tipici conflitti interni che si generano spesso in gruppi eterogenei e di estrazione culturale diverse - alla presenza di una grande dose di infantilismo galoppante, tutto condito con per le solite ed inutili beghe basate su personalismi ed ingiustificati sospetti di spionaggio e controspionaggio) ha determinato la “migrazione volontaria” di un certo numero di iscritti (aggiungo ... tra questi vi erano - forse - i più attivi ed in parte politicizzati e schierati) in un altro Meetup cittadino e, come vedremo più avanti, alcuni di questi - togliendosi la maschera - sono scesi immediatamente in campo con un’altra "particolare" Lista Civica.
La Lista Civica di BEPPE GRILLO - grazie al risultato elettorale ottenuto - porta all’interno del Consiglio Comunale un suo componente, ovviamente il ringraziamento maggiore è rivolto in primo luogo a Beppe Grillo ed in particolare al suo “comizio” in Piazza del Popolo lo scorso 3 giugno, "comizio" che ha di fatto permesso – senza ombra di dubbio - alla Lista Civica "Pesaro a Cinque Stelle" di ottenere i voti sufficienti per raggiungere l’obbiettivo fissato … dobbiamo inoltre prendere atto - in tutta onestà - che senza quel comizio, le probabilità di far eleggere il Signor Mirko Ballerini erano appena inferiori allo ZERO ASSOLUTO.

Ma torniamo per un attimo al Meetup n. 16, quello storico di Pesaro, perché … ci si chiederà …. quale è stato lo "strumento" usato per individuare in “Mirko Ballerini” l’uomo adatto per impersonare il “ruolo” di “Candidato Sindaco”?? ... presto detto:

in primo luogo perché certi … anzi certissimi che non avremmo mai potuto raggiungere ad ottenere il 50% + 1 dei voti necessari per coronare il “sogno” di amministrare da soli Pesaro (oltre alla totale incompetenza del gruppo venutosi a creare dalla società civile in tempi assai brevi);

in secondo luogo è stato individuato - da due personaggi operativi nel Meetup n. 16 (io e Lorenzo Lugli) nell'organaizer (che è il soggetto - almeno per il Meetap n.16 - che si fa carico di pagare pochi dollari USA al mese per gestire la piattaforma ed essere quindi responsabile del Meetup – cioè la rete indicata da Beppe Grillo fin dal 2005 che raccoglie i cosidettigrillini”) la figura adeguata per svolgere questo ruolo del tutto simbolico; inoltre bisogna aggiungere che Ballerini con Lorenzo Lugli erano e sono - di fatto - i più anziani iscritti al Meetup Storico Pesarese ed indubbiamente i più attivi.

Quindi il nome di Mirko Ballerini è stato un semplice caso, una coincidenza, forse anche una necessità … voluta da due iscritti al Meetup ... al suo posto poteva esserci - senza fare una piega - Lorenzo Lugli o chiunque altro … Mirko non è certamente un esperto conoscitore della gestione amministrativa pubblica, non è un esperto di burocrazie e regolamenti ... è un semplice ed onesto cittadino, attivo nel sociale ..., senza precedenti penali .... come ce ne sono più di centomila sparsi per Pesaro e nell'intero territorio.
Un grazie deve essere - quindi - espresso anche a Mirko Ballerini che dopo lunghe ed estenuanti insistenze e dopo aver ricevuto le dovute garanzie di ricevere assistenza, partecipazione e condivisione da parte del “gruppo fondatore(e successivamente dal gruppo che si è venuto a creare nella fase di preparazione della Lista Civica), ha accettato di “trascrivere” il proprio "nome e cognome" nello spazio bianco della documentazione da presentare in Comune per la pubblicazione ed approvazione della Lista CivicaPesaro a Cinque Stelle” … quindi solo una questione di adempimenti di legge, semplice burocrazia legata a regole e norme!!
Ovviamente al gruppo promotore (e fondatore) si sono in breve aggregati altri soggetti (a vario titolo) - in grandissima parte non erano iscritti al nostro Meetup (alcuni si sono iscritti solo dopo aver "condiviso" il solo progetto Lista Civica) ma tutti conoscevano il "gruppo di Beppe Grillo Pesarese" per le loro iniziative, il "Vday uno e due", le loro "lotte per la legalità", la loro lotta per la "trasparenza" e per la loro “petizioni(parlo di quelle che di fatto sono state stravolte dai politici interni ed esterni e da quella parte del gruppo - preesistente nel Meetup).

Oggi il rappresentante della Lista Civica "Pesaro a Cinque Stelle", è uno dei 40 rappresentanti nominati dai Pesaresi per gestire (ognuno con i ruoli che le norme e la legge impone) … la "cosa pubblica" ... anch'esso è passato dal ruolo di semplice "datore di lavoro" (cioè semplice cittadino) a ruolo di "DIPENDENTE", (cioè al servizio dei cittadini); ed è a questi ultimi che dovrà dar conto del suo operare durate tutto il periodo del suo mandato.

La sua sarà una presenza costante in tutti i Consigli Comunali e nelle Commissioni , una presenza attenta ed obiettiva all’interno del palazzo del potere cittadino, utile per far venir fuori eventuali “maneggi” e/o “accordi” che potrebbero ledere gli interessi dei cittadini, pronto a farsi portavoce dei disagi e delle angherie, altrettanto pronto a rendere pubblico ogni atto amministrativo per permettere a tutti di prenderne visione e nel caso contestare quello che si riterrà non in linea con gli interessi e la salute dei cittadini ... Ballarini sarà quindi colui che si farà portavoce di ogni giusta rivendicazione da parte dei cittadini … , tutto questo lo potrà fare grazie ad una squadra di esperti che lo supportano e lo indirizzano nei meandri - non solo - della burocrazia … (c’è da aggiungere che Beppe Grillo ha promesso a tutti coloro che riusciranno ad entrare nel Palazzo delpotere cittadinocioè la nostra casa - un corso intensivogratuitoper comprendere come funzionano le cose nella linguapolitichesee nella gestione della "cosa pubblica" ).

Tornando ancora per un attimo a Beppe Grillo, lo stesso si è posto una giusta domanda …: ma chi controllerà l’uomo, che grazie allaLista Civica Beppegrillo.it”, entrerà in consiglio comunale ??<<… e la risposta è stata …: >> la “rete … cioè tutti i cittadini, ma in particolare coloro che hanno supportato la sua candidatura; per chiedere agli altri di essere “onesti e trasparenti” … bisogna dimostrarlo CENTO VOLTE DI PIU’ con le proprie azioni ed il proprio corretto comportamento … anzi bisogna essere ancora più critici ed attenti nei confronti di chi ha ricevuto l'incaricato dai propri elettori (e no) di controllare dall'interno chi ci amministra.

Come sappiamo l’uomo è debole ed a volte solo l’odore del “potere”, anche quello di un semplicissimo scranno all’opposizione di un piccolo comune, tira brutti scherzi … ecco perché il controllo deve essere maggiore e più attento.

Mi si chiede - da più parti - ma tu ... allora cosa farai ?? Semplice ... per prima cosa è meglio chiarire un "fatto" (che ancora in molti non conoscono) il sottoscritto ha deciso spontaneamente e prima della presentazione ufficiale della Lista Civica (con una mail inviata al coordinatore Lorenzo Lugli) di uscire dalla Lista Civica "Pesaro a Cinque Stelle" (il nominatoleadersi grogiola nell'affermare che è stato lui ad allontanarmi … e questa già la dice lunga su quel famosoodore” di cui parlavo prima).

Il motivo di tale sofferta decisione non è stata certamente la dichiarata "sfiducia" comunicata dal neo "leader" (adducendo il timore che la mia presenza avrebbe potuto "ri-creare" un clima di rottura all'interno del neo gruppo ... duplicando un evento che in precedenza si era creato nel Meetup originario) con giustificazioni che invero lasciano grandi dubbi sull'onestà intellettuale del mittente per tale gratuita affermazione .... il VERO MOTIVO è da individuare nella quasi totale assenza di quel tipico rapporto di garanzia "democratica" e di leale dialogo che in breve NON si è venuto a creare all'interno del gruppo ed in particolare tra alcune persone (alcune entrate a piè pari non appena si è iniziato a parlare di Lista Civica) che provenivano da ambienti politici e/o con essi in passato legati a doppio filo … la mia gretta cultura di assoluta non appartenenza a nessuna compagine politica è molto più radicale di quanto si possa immaginare, ritengo – probabilmente a torto – che chi ha operato (anche se in un passato lontano)attivamente” in un partito politico … difficilmente riesce a tornare ad essere un “puro” … la politica fatta dai politicanti di professione infetta chiunque li frequenta con assiduità … un’infezione non facile da debellare … ed entrare in una vera "Lista Civica" con lo scopo di purificarsi ... potrebbe – anche solo involontariamente - infettare la stessa “Lista Civica” … questo in breve – ed espresso in modo alquanto pittoresco - il vero motivo della mia volontaria uscita dalla Lista Civica … non vi sono assolutamente altri motivi … e tanto meno problemi di carattere personale con la gran parte dei componenti la Lista ... molti degli iscritti sono persone davvero "speciali" e la presenza di Lorenzo Lugli ... almeno per me (e fino ad eventuale smentita) è una vera garanzia.

Questa mia uscita, unita al mio “senso civico”, mi permette quindi di operare come uno dei tanti controllori ... nella posizione riacquistata di esterno ai giochi, sarò - quindi - certamente molto più obbiettivo ed esigente ... ovviamente - come sempre - disposto a mettere a disposizione di chiunque le mie esperienze professionali e le conoscenze acquisite in anni ed anni di lavoro … ma .... attenzione ... tutto dovrà essere finalizzato alla totale “TRASPARENZA” ed alla "MASSIMA" tutela dei diritti di ogni singolo cittadino .... quindi continuerò (con rammarico - probabilmente - dello stesso "leader" e di tante altre persone) da queste pagine e dal Meetup (in cui sono iscritto http://beppegrillo.meetup.com/16/it/ ) a denunciare ogni tipo di "abuso" commesso da chi ci amministra e/o da chi è all’opposizione senza escludere da questa costante verifica il “controllore” incaricato dalla Lista CivicaPesaro a Cinque Stelle”.
=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=
Cosa dire – infine - delle altre due Liste Civiche (che non hanno raccolto i frutti sperati) … su quella di “Moriani Sindaco” posso sostenere che la stessa è nata all’ultimissimo momento, racchiude in se i delusi (trasversali per ideologia politica) della Lista CivicaLiberi X Pesaro” quando quest’ultima ha optato – in corso di campagna elettorale - di supportare, con le altre otto compagini partitiche (o pseudo-tali) il rinnovo dell’incarico al sindaco uscente con etichetta PD.
La Lista CivicaCittà in Comune ha come “leaderMaurizio Sebastiani, uomo appena uscito dal gruppo politico che governava Pesaro e con una lunga storia politica alle spalle che lo ha visto spuntare nel tempo le varie “sigle” che hanno segnato il percorso storico dell’attuale PD; nella stessa Lista Civica si erano immediatamente presentati (a vario titolo e con impegni diversi) alcune di quelle persone di cui parlavo prima … si, prorio quelle che spontaneamente sono andate via dal Meetup storico pesarese per confluire in un nuovo Meetup (e Blog collegati) … persone che finalmente hanno buttato via la maschera, hanno messo da parte le prerogative di base richieste da Beppe Grillo, ed hanno deciso di appoggiare uomini politici di "vecchio stampo" usciti ieri dalla porta di servizio del "loro partito" e camaleonticamente pronti a rientrare nella "stanza dei bottoni" con un semplice "maquillage elettorale" ed un programma elettorale interessante.
=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=*=
Alcune di queste persone all'indomani del disastroso risultato elettorale (e dopo aver imputato parte della colpa al comizio di Beppe Grillo) hanno iniziato il "rito di avvicinameto" (vi ricordate la Parabola del "figliol prodigo" ....) alla Lista Civica "Pesaro a Cinque Stelle", le solide barriere costruite fino all'altro giorno cominciano a disgregarsi (http://www.spettatorimaipiu.it/2009/06/931/) ... cominciano a sprecarsi i termini "collaborazione" ... "abbiamo lottato insieme" ... frasi che fino a qualche giorno erano state cancellate dalla mente e dal cuore.
Una frase mi ha colpito (tra le altre) scritta quest'oggi su quel BLOG (di cui sopra) : "Per concludere, questo non è il luogo adatto perchè spesso le parole scritte hanno un peso diverso dalle parole dette e possono essere facilmente fraintese." parole che se rilette e ripensate prima del "divorzio" tra gli attuali due Meetup Pesaresi ... forse ... dico forse ... avrebbero salvato il "gruppo" ... ; fa piacere in ogni caso a distanza di tempo rileggere questa frase che più volte avevo tentato di inculcare nella mente di taluni.

Nulla di male ... anzi ... ho sempre asserito che la "rottura" è stata la più grande stupidaggine creata ad arte da alcuni .... creare una scissione in un gruppo (con la scusa che la causa - sempre da chiarire la sostanza del termine "causa" - era solo per la presenza - "indesiderata da parte di alcuni" ed "immotivata da parte di altri" - di una singola persona) basando il tutto su argomentazioni del tutto fantasiose e su strili ed assurdi personalismi l'ho sempre ritenuto paradossale ed allo stesso tempo puerile.

Ritengo più che naturale che in un "gruppo" possano esserci visioni diverse del mondo esterno ... questo crea dialogo, maturazione e crescita ... pensare che in un gruppo si possa pensare, parlare, agire, operare ad unisono lo ritengo molto "pericoloso" e poco "democratico" ... possiamo quindi affermare che il "successo" insperato della Lista Civica "Pesaro a Cinque Stelle" è stato anche motivo per rivedere vecchi contrasti e dei primi ripensamenti da parte di alcuni (e irrigidimenti da parte di altri) ... l'importante ora è .... creare il dialogo (con tutti) ... poi ... dopo aver metabolizzato la novità ... si potranno creare i presupposti per una totale riappacificazione ... lo spero !!
L’uomo - in genere - è sempre stato il vero “mezzo” per raggiungere l’obbiettivo … ma da solo (cioè senza il supporto di altre oneste persone che condividono il progetto e l'obbiettivo) non riuscirà mai a raggiungere qell'obbiettivo ….

Come sempre questo è (e resta) il mio pensiero, le mie deduzioni logiche, rispettabili o meno e quindi suscettibili ad ovvie e naturali critiche.

Raffaele

Nessun commento:

Posta un commento